translate me

domenica 6 luglio 2008

La principessa sul pisello


di Trippi

Il ruolo che svolgo nell'azienda per cui lavoro attualmente è tanto modesto quanto visibile. Ed ecco perchè mi capita spesso di avere incontri surreali con persone con le quali ho avuto contatti in passato o per averci lavorato in insieme o per essermi proposta per un ruolo che poco si sposa con quello attuale. Ho voglia di contare la storia dell'"essere caduta in disgrazia" o dell'aver "bisogno di lavorare!". Di solito lo sguardo oscilla tra il perplesso, il divertito e il compassionevole e la frase d'accopagnamento è "che ci fa lei qui?". Ma a volte capitano anche incontri in cui il mio interlocutore non conosce ne me, ne il mio background, ed ecco che avviene il contrario, partono dal ruolo attuale e cercano di prendere le misure e far combaciare il tutto con le battute che mio malgrado sfuggono di bocca e di mano. Così ieri, mi sono guadagnata un divertito "lei è tremenda!" quando ho dato a intendere di aver capito il motivo della visita di alcuni manager d un'azienda concorrente. Dopo aver letto un articolo del Sole 24ore sul tentativo di due aziende competitor di quella per cui lavoro, di segnare il passo nei confonti sia della mia società sia di quella che ci stava appunto facendo una visitina all'insegna del last minute (o dell'ultima speme). Mi viene così spontaneo chiedere se si trovino li per coordinare con la nostra azienda una contromossa che annulli quella dei due competitor più forti. Mi guardano basiti e mi chiedono come faccia a sapere della questione, accenno all'articolo della mattina e salta fuori che non l'avevano letto. Poichè avevo una copia li a portata di mano mi offro di farglielo leggere e i tre ospiti si mostrano entusiasti della cosa. Dopo un giro mortale di telefonate salta fuori che belli come il sole non avevano persino sbagliato la sede dell'incontro? Ultima fulminante battuta alla "cosa voi di più dalla vita" e loro mi regalano un caloroso saluto e quel "Lei è tremenda" che prendo come un gran complimento e mi fa sentire davvero una principessa sul pisello.

4 commenti:

Anonimo ha detto...

secondo me il tuo potere è uguale a quello di un bimbo, e non vedo aspettative future molto rosee per te... spero per te che il fato mi contradica

chica mala ha detto...

può darsi, chi può dirlo.
sarebbe carino che chi lascia n commento però si firmasse, quanto meno con un nick, peccato non potr chiamare le persone per nome, anche se fittizio

chica mala ha detto...

daltro canto l'errore è mio e delle mie socie che non abbiamo attivato la moderazione...

Trippi ha detto...

Caro Anonimo, non posso che darti ragione e augurarmi che il fato ti contraddica! ;-)

Blog Widget by LinkWithin