translate me

venerdì 11 settembre 2009

Privatizzazione: questione di vita o di morte


Di Chica Mala (fonte)

In France Telecom, dopo la privatizzazione e il conseguente piano di ristrutturazione, capita che dipendenti, da posizioni definite strategiche e di prestigio si ritrovino addirittura al call center.

Come può reagire dopo un cambiamento così radicale un ingegnere, per esempio, che per vent'anni ha lavorato sulla costruzione ed il mantemento di rete e infrastrutture vedendosi nel giro di pochi giorni sbattuto in cuffia a illustrare le promozioni della stagione?

Bene, diciamo che quest'anno 33 dipendenti del colosso delle telecomunicazioni d'oltralpe si sono suicidati (due casi solo negli ultimi giorni). L'azienda commenta gli episodi come un fenomeno "normale", viste le dimensioni della compagnia, nonostante questo e in controtendenza con le dichiarazioni ufficiali, la mobilità è stata sospesa, almeno fino al 31 ottobre; chissa mai che i top manager di France Telecom trovino una soluzione per guarire le migliaia di lavoratori caduti in depressione, colpiti da attacchi di panico o che addirittura tentano il suicidio gettandosi dalla finestra dell'ufficio, proprio come ha fatto la donna di 32 anni che ora è tra la vita e la morte dopo un volo di 4 piani.

Nessun commento:

Blog Widget by LinkWithin