translate me

martedì 31 maggio 2011

CARA Telecom,

il titolare dell'azienda è impossibilitato a riscuotere assegni e a firmare richieste di cessazione delle linee telefoniche in quanto irrimediabilmente e irrevocabilmente deceduto.
Attendiamo vs Feedback, grazie.

Surreale, ma reale, il fax qui sotto è stato inviato in risposta alla lettera con cui Telecom Italia rifiutava la richiesta di cessazione della seconda linea telefonica dell'azienda di mio padre (perchè mancava la firma del titolare dell'azienda, deceduto, o del legale rappresentante della stessa, cessata). Premetto che per la prima linea è bastata una richiesta identica a quella inoltrata per la seconda linea. Per la cronaca, alla richiesta di informazioni sul perchè le due linee fossero state trattate con diverse procedure e per quale motivo gli eredi non erano stati informati del mancato accoglimento delle richieste, l'addetta del servizio clienti ha messo giù il telefono. Viva l'Italia!


Eredi Trippi S*********

Via******, **
****** O****** (NU)

FAX


A: TELECOM ITALIA


Da: M***** B******* S**********
Fax: 800 000 191
Pag.: 4 (compresa la presente)


Data: 26/05/2011

Oggetto: cessazione linea telefonica 0*******1 e rimborso anticipo conversazioni

Rif Pratica 2*******

Buongiorno,

con la presente intendiamo sporgere reclamo per la gestione della pratica in oggetto, in particolare contestiamo che ci sia stata comunicata la mancanza di documenti fino al 04/05/2011, data in cui abbiamo chiamato il servizio clienti per avere contezza dello stato della pratica e per la comunicazione del 19/05/2011 con la quale Telecom contesta la mancanza della sottoscrizione da parte del titolare o legale rappresentante della linea.

Reclamiamo formalmente, inoltre, per l’aggressività del vostro operatore di customer care **325 che, in data odierna durante la conversazione telefonica effettuata alle 11.06, si è rifiutato di fornire tutte le informazioni richieste e ha riattaccato prima del termine della conversazione. In particolare si è rifiutato di rispondere alla richiesta di delucidazioni in merito a una chiamata con la quale in Customer Care riferisce di aver notificato telefonicamente la mancanza di documentazione a un tale Trippi Gino. Ora noi vorremmo sapere quando e da chi sarebbe stata fatta questa comunicazione e a che numero. Perché non esiste nessun Trippi Gino e il numero 0********1 non è utilizzato ne per chiamare ne per ricevere.

La Ditta Trippi ********, cui fa capo questa numerazione aveva 2 linee telefoniche. La prima linea (0*******6) è stata cessata in seguito a nostra raccomandata del 30 novembre 2010 con la quale si comunicava il decesso e la contestuale cessazione dell’azienda. Alla raccomandata non era allegato ne il certificato di morte di Trippi S********* N*****, ne alcun documento di identità degli eredi. Non era presente, infine, alcuna firma.

Telecom non ha sollevato alcuna obiezione, non ha richiesto documenti integrativi, e ha inviato un assegno a saldo dello storno delle cifre dovute e l’anticipo conversazioni (intestato a Trippi S********, deceduto e impossibilitato a riscuoterlo).

Dalla data in cui (lo scorso 16 marzo) è stata inviata una raccomandata con la richiesta di cessazione della linea in oggetto e storno delle fatture gli eredi non hanno ricevuto alcuna comunicazione sulla incompletezza della documentazione. Lo scorso 04/05/2011 in seguito a una telefonata (effettuata dai figli di S******** Trippi) al servizio clienti viene comunicato che la pratica non è stata chiusa per mancanza di documentazione e viene fornito un numero fax cui inviare documento di identità e certificato di morte. Nello stesso giorno si è provveduto a inviare un fax con la documentazione richiesta, il certificato di morte di Trippi S******* N***** con documento di identità di ****** B******* S*******.

Il 13/05/2011 h 15.19 viene effettuata una nuova chiamata informativa al servizio clienti in cui si chiede lo stato della richiesta. L’operatore spiega che la documentazione è pervenuta ed è completa, non viene fatto alcun cenno alla mancanza di sottoscrizione della richiesta del 04/05/2011.

Nella lettera del 19/05/2011 inviata da Telecom a S***** Trippi la richiesta viene respinta perché manca la firma del legale rappresentante (deceduto) o titolare dell’azienda (cessata).

Ora si può anche accettare tanto zelo per la reiterata mancata accettazione della richiesta della cessazione della linea che fa capo a un defunto. Si può anche accettare la mancanza di sensibilità da parte dell’operatore del servizio clienti, quello che è difficile capire è per quale motivo alla raccomandata del 16 marzo non ha fatto seguito una comunicazione scritta con la quale Telecom contesta l’incompletezza della richiesta e per quale motivo le due numerazioni sono state gestite in modo completamente diverso da Telecom.

Alleghiamo nuovamente il certificato di decesso e documento di identità del richiedente la cessazione del numero 0********1 relativo alla Ditta Trippi ******** per il decesso del titolare avvenuto il **/**/2010 e contestuale cessazione dell’attività.

Chiediamo inoltre che vengano stornati i costi dell’abbonamento relativi a periodi successivi.

In particolare chiediamo l’annullamento e lo storno delle fatture n 8R******* del **/**/***** e la fattura n 8R********, oltre il rimborso della fattura n 8R********.

In attesa di un Vs cortese feedback porgiamo
cordiali saluti


In nome e per conto degli
Eredi di Trippi S******* N*******

****** B******* S******

Nessun commento:

Blog Widget by LinkWithin