translate me

martedì 1 marzo 2011

Disoccupazione:gennaio conferma il trend negativo tutto italiano

ed ecco puntuale il rapporto Istat su gennaio a confermare il passo negativo della nostra economia agonizzante.
A gennaio gli occupati sono 22.831 mila unità, in diminuzione dello 0,4% (-83 mila unità) rispetto a dicembre 2010. Nel confronto con l’anno precedente l’occupazione è in calo dello 0,5% (-110 mila unità). La diminuzione registrata nel mese è dovuta sia alla componente maschile sia a quella femminile.
Il tasso di occupazione è pari al 56,7%, in calo di 0,2 punti percentuali rispetto a dicembre e di 0,4 punti rispetto a gennaio 2010.
Il numero dei disoccupati, pari a 2.145 mila, registra una crescita dello 0,1% (+2 mila unità) rispetto a dicembre. Il risultato è sintesi della crescita della disoccupazione femminile e della flessione di quella maschile. Su base annua la crescita del numero di disoccupati è del 2,8% (+58 mila unità).
Per il terzo mese consecutivo il tasso di disoccupazione si attesta all’8,6% con una crescita di 0,2 punti percentuali su base annua. Prosegue la crescita del tasso di disoccupazione giovanile, che raggiunge il 29,4%.
Gli inattivi tra i 15 e i 64 anni aumentano dello 0,5% (80 mila unità) rispetto al mese precedente. Il tasso di inattività è pari al 37,8%, dopo tre mesi in cui risultava stabile al 37,6%. (fonte comunicato ISTAT, neretto mio)
Neanche a dirlo, aumenta la disoccupazione femminile e giovanile, segnando il passo rispetto all'eurozona. Meglio non fare il confronto con la germania poi, dove il tasso di disoccupazione è sceso ai minimi dal 1992.
Altro che scossa, qui serve l'elettrochoc.

Nessun commento:

Blog Widget by LinkWithin