translate me

giovedì 3 aprile 2008

Questo non è un paese per... GIOVANI



di Trippi

Leggo oggi in una civetta sulla prima pagina di La Repubblica di oggi (04/03/2008) che questa è la fotografia dell'Italia fatta da una ricerca dell'Università Cattolica. E che nel paese non ci sia spazio per gli under è confermato in tutti i settori della vita pubblica:
sociale, università, politica e persino tv!
C'era bisogno di una ricerca dell'università? Glielo dicevo io, gratis!

Un paio di cifre dallo studio:

il 17% di chi insegna all'università è under 35
Ma va? se solo prima di accedere a un dottorato di ricerca devi fare il servo di un professore o del dipartimento per anni? Poi devi fare il professore a contratto e campa cavallo prima che ti diano una cattedra tutta tua!

Gli under 25 sono 1 su 4 (come gli ultra sessantenni).

Se abitate a Milano, avete interessi in campo sociologico o cercate conferme ecco il link, se vi va di approfondire la questione non perdetevi il convegno
"E´ ora di cambiare? L´Italia delle Nuove generazioni"

qui il programma.
Una delle tavole rotonde, per la cronaca, è coordinata da Giorgio Simonelli, storico della televisione e docente di Giornalismo televisivo (mi sono laureata e specializzata con lui e ancora adesso sono una sua cultrice della materia, lui è davvero un grande!!).

Ma se il nostro paese è dominato da una gerontocrazia che non vuole cedere il passo e insegue il mito dell'eterna giovinezza sparandosi elisir di lunga vita a doppio taglio (è di oggi la notizia che il botulino entra in modo più profondo nel sistema nervoso con chissà che conseguenze) sarà forse colpa di molti bamboccioni che non se ne vogliono andare di casa.. o viceversa?!

4 commenti:

chica mala ha detto...

forse i bamboccioni sono tali perchè i genitori vogliono fare gli eterni ragazzini, Andando al lavoro sullo scooterone, restando in ufficio fino atardi per evitare di tornare a casa da una moglie che nemmeno guardano più e spupazzandosi le turgide segretarie - oops personal assistants volevo dire.. (segretaria fa tanto "vecchia filanda").
Sarà per questo che la gerontocrazia relega la generazione di mezzo nella casta degli eterni peter pan?

Trippi ha detto...

ahaha!! non posso contraddirti!! Anche perchè mi rendo conto che il tuo è davvero un punto di vista privilegiato!!

chica mala ha detto...

ehehe! viva le esperienze! positive o negative che siano:
fanno CV

Anonimo ha detto...

"Non è un paese per giovani" ....a Cantiano piccolo paesino dell'entroterrra Marchigiano è accaduto uno scandalo senza precedenti intorno a questo slogan creato da alcuni Irruenti giovani 8(così riporta il Messaggero oggi) per vedre la foto del manifesto funebre che riassume la condizione dei giovani Italiani Oggi:
link:
http://fotodelgiorno.quotidiano.net/?foto=3107&albero=4-20-
Forse un po' di coraggio da parte dei ragazzi spronerebbe l'incoraggiamento generale verso le nuove generazioni, ma le distrazioni commerciali sembrano sempre di più bombardare questo target di età.

Blog Widget by LinkWithin