translate me

martedì 30 giugno 2009

Più saldi per tutti


... o quasi

di Trippi

Siete stati cicale o formiche? Avete risparmiato in attesa dei saldi? Avete già bruciato il budget e se spendete ulteriormente dovrete chiedere un fido alla banca per pagare il soggiorno al mare o in montagna?
Qualunque sia la vostra situazione economica per molti italiani oculati è arrivato il momento della riscossa, quello dei saldi! Primo a partire il Molise che inizia sin da domani 1° luglio, seguono Basilicata e Campania il 2 luglio e da sabato 4 luglio la gran parte delle regioni Abbruzzo, Calabria, Emilia Romagna, Lazio, Lombardia, Puglia, sicilia e Veneto. Più ritardatarie le regioni ad alta vocazione turistica come Sardegna (8 luglio), Toscana (7 luglio), la provincia di Bolzano (15 luglio) e la Liguria (10 luglio). Casi a se la provincia di Trento in cui i commercianti decideranno liberamente i periodi in cui effettuare i saldi (per un periodo massimo di 60 giorni) , la Valle D'aosta in cui i saldi potranno esserci dal 10 al 30 settembre, per un periodo massimo di 50 giorni. In Piemonte via libera ai saldi tra il 1° e il 30 settembre a discrezione dei comuni (massimo per 8 settimane anche non continuative), Torino inizierà il 4 luglio.


In realtà in questa estate di crisi i commercianti hanno iniziato ad applicare le tariffe promozionali ben prima della partenza ufficiale. Il rapporto privilegiato cliente fisso-commerciante e la necessità di arginare l'emorraggia di clienti verso negozi più economici ha fatto si che le politiche tipiche del piccolo negozio siano state imitate anche dalle grandi firme. Così a Milano una pioggia di sms e di canali di comunicazione non convenzionale ha informato gli affictionados del quadrilatero della moda che per loro i prezzi scontati erano disponibili prima che per gli altri. Così ai normali clienti di passaggio prezzi di cartellino, agli altri, la creme de la creme promozioni anticipate e accapparramento dei pezzi a prezzi che non si possono rifiutare!

Crisi o meno, piove sempre sul bagnato!




2 commenti:

Crimilda ha detto...

quadrilatero della moda? io conosco solo l'oviesse e non posso permettermi niente altro. :)

Trippi ha detto...

Io conosco l'oviesse, ma ha taglie troppo grandi per me, ho due o tre negozi di fiducia in cui compro bene e a prezzi abbordabili. Tra i vari lavori precari c'è stato anche la vestiarista presso una casa di moda famosissima, questo in epoche economicamente meno grame, mi ha dato accesso alle svendite e sono riuscita a mettere da parte quei due tre capi evergreen utilissimi.

Blog Widget by LinkWithin